Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità "tecniche". Cliccando su "Ok" acconsenti all'uso dei cookies.

Istituto Comprensivo Statale N.5

"Dante Alighieri" di Ferrara

Sicurezza

Carattere

sicurezza0

 

L'Area Sicurezza raccoglie circolari interne, norme ministeriali, pubblicazioni, notizie e  documenti indispensabili per la corretta gestione della sicurezza nelle istituzioni scolastiche, così come richiesto dal Testo Unico D.Lgs. 81/08.

Comunicazione n. 147pdf s

Brochurepdf s

Comunicazione n. 39pdf s

 

 NORME di SICUREZZA

DISPOSIZIONI GENERALI (ex Dlgs. 81/08).

 

(circolare in formatopdf s) - (DLgs_81_08_integrato_DLgs_106_09pdf s)

 

Ferrara, 15 settembre  2014

Comunicazione n. 18

A TUTTO IL PERSONALE

LL.SS.

NORME di SICUREZZA

DISPOSIZIONI GENERALI (ex Dlgs. 81/08).

Con la presente circolare vengono impartite le disposizioni generali a tutto il personale operante, anche occasionalmente, nella scuola; ciascun operatore e? impegnato a promuoverne e ad esigerne il rispetto da parte degli studenti consentendo loro, durante lo svolgimento dell’ordinaria attivita? didattica, l’acquisizione di una mentalita? di sicurezza e di assunzione di responsabilita? indispensabile in ogni ambito di lavoro e di svago. Tutto il personale docente e non docente e? impegnato affinche? la vita interna alla scuola sia improntata a serieta? ed esemplarita?.

Docenti e ATA, nell’ambito delle rispettive competenze, devono:

  1. Ricordare agli allievi le norme di comportamento di prevenzione generale ai fini della sicurezza.
  2. Verificare che gli allievi si attengano ai comportamenti previsti in caso di emergenza e siano a conoscenza dell'ubicazione delle vie di fuga, delle uscite di emergenza e del punto di ritrovo in caso di abbandono dell’edificio.
  3. Adoperarsi affinche? l’attrezzatura antincendio sia facilmente raggiungibile senza intoppi ed il percorso verso l’esterno sia sgombro da qualsiasi ostacolo (banchi, zaini, ecc.).
  4. Dare specifiche istruzioni agli allievi, affinche? eseguano le esercitazioni in sicurezza.
  5. Organizzare ogni attivita? affinche? gli spazi siano sufficienti a garantire la sicurezza dei movimenti di ogni operatore.
  6. Portare a conoscenza del Dirigente Scolastico ogni eventuale incidente (avvenimento spiacevole che viene ad interrompere il normale svolgimento dell’attivita?), o ogni eventuale segno premonitore di infortunio (incidente con danni concreti alle persone). Il Dirigente Scolastico informera? il Responsabile del Servizio di Prevenzione Protezione (RSPP) e il Rappresentante dei Lavoratori per la sicurezza (RLS).
  7. Tutte le uscite di sicurezza sono provviste di apertura a spinta.
  8. I pavimenti non debbono essere mai ingombri di oggetti e materiali di non immediato utilizzo; apparecchiature, contenitori, cavi che, per esigenze tecniche dovessero essere posti sul pavimento, devono essere opportunamente e visivamente segnalati.
  9. Le scale, i corridoi e gli spazi antistanti le vie di fuga debbono sempre essere tenuti sgombri e vigilati.
  10. I mezzi antincendio (manichette ed estintori), i comandi elettrici, le cassette di pronto soccorso, i cartelli segnalatori debbono sempre essere mantenuti in efficienza, pronti all'uso, immediatamente accessibili.
  11. L'elenco dei numeri telefonici di emergenza deve essere posto in evidenza accanto al telefono.
  12. Controllare che tutti i punti luce (prese ed interruttori) non presentino deterioramenti pericolosi.
  13. Provvedere ad eliminare, o rendere comunque innocui, spigoli vivi.
  14. Controllare ed eventualmente rimuovere chiodi o sporgenze pericolose all'altezza dei ragazzi.
  15. Controllare che i termosifoni siano efficienti e in particolare siano muniti delle prescritte manopole.
  16. Controllare che i pavimenti non presentino rotture che costituiscono cause di inciampo e comunque provvedere a coprire o isolare il punto pericoloso e successivamente a segnalarlo all'ufficio di segreteria per la comunicazione all'ufficio manutenzione.
  17. Verificare la funzionalita?, l'idoneita? e l’igiene degli attrezzi ginnici e dei giochi all'aperto, provvedendo a segnalare la necessita? di riparazione o di rimozione.
  18. Le deficienze dei dispositivi e dei mezzi di sicurezza e protezione, i guasti alle strutture, nonche? le condizioni di pericolo di cui si viene a conoscenza debbono essere subito segnalati alla vista con appositi accorgimenti (es. nastro rosso e bianco), se necessario, ed essere comunicati alla segreteria che provvedera? ad inoltrare le richieste di intervento all'Ufficio manutenzione edifici scolastici del Comune.
  19. Evitare ogni accumulo di materiale in disuso sugli armadi, in sgabuzzini, nei depositi e negli archivi; i materiali debbono essere riposti in modo da consentire facile ispezionabilita?, lasciando corridoi e passaggi di larghezza non inferiore a 90 cm.
  20. I materiali di pulizia debbono essere riposti in idoneo locale munito di armadio richiuso a chiave ed accessibili al solo personale scolastico.
  21. Rispettare le indicazioni dei cartelli segnalatori; non rimuovere o modificare i dispositivi di sicurezza; non togliere o sorpassare le barriere che impediscono i passaggi pericolosi.
  22. In tutti i locali della scuola, compresi i cortili, e? VIETATO FUMARE.

MISURE DI PREVENZIONE PER L'ALCOLDIPENDENZA

E' vietato assumere alcolici in ogni luogo e in ogni tempo di lavoro.

E? altresi? vietato assumere alcolici prima di iniziare l'attivita? lavorativa, anche se al di fuori dell'orario di lavoro, in quanto gli effetti di tale assunzione possono comportare un rischio infortunistico aggiuntivo, tenendo conto dei tempi che l'organismo impiega per lo smaltimento dell'alcol (2 ore circa per smaltire 1 unita? alcolica).

Il riscontro di una alcolemia positiva comportera? comunque un temporaneo allontanamento dalla mansione, a seguito di un giudizio di non idoneita? temporanea fornito dal Medico Competente.

DISPOSIZIONI IN SITUAZIONI PARTICOLARI DI RISCHIO

Rischio elettrico

Il Dirigente Scolastico deve assicurare, con la partecipazione attiva e consapevole di ciascuno, il perfetto funzionamento dell’impianto elettrico; il personale deve comunque utilizzare tutte le precauzioni necessarie tra le quali si esemplificano le seguenti:

I sussidi didattici ricadono sotto la diretta responsabilita? della scuola, pertanto:

 

1.         Prima di usare qualsiasi apparecchiatura elettrica controllare che non vi siano cavi, spine, prese di corrente ed altri particolari elettrici senza opportuna protezione o con parti deteriorate;

2.         tutte le apparecchiature debbono essere fornite del marchio IMQ (o CE o analogo) e spina con messa a terra (tre spinotti o spina tonda tedesca); gli apparecchi non a norma vanno immediatamente segnalati alla Presidenza e ritirati dall'uso.  

4.         Le spine degli apparecchi e le prese debbono essere congruenti: sono vietati adattatori (es. da spina tonda a normale, da grande a piccola o da piccola a grande).

5.         Le norme di sicurezza ammettono al massimo spine doppie a marchio IMQ (una sola per presa); non e? consentito quindi collegare fra loro piu? spine. I grappoli di triple sono pericolosissimi e possono provocare surriscaldamenti, contatti accidentali, incendi; e? opportuno usare ciabatte con marchio IMQ, anziche? spine doppie.

6.         Le prolunghe devono avere prese a spine protette ed omogenee con quelle dell'impianto e dell'apparecchiatura ed essere usate solo se strettamente necessarie e per breve tempo, ponendole il piu? possibile fuori dalla portata degli alunni. Anche le eventuali prolunghe debbono essere munite del marchio IMQ.

7.         Non toccare mai le apparecchiature elettriche con le mani bagnate o se il pavimento e? bagnato. Disinserire le spine dalle prese afferrando l'involucro esterno e non il cavo.

8.         Non fare collegamenti di fortuna.

9.         Per disattivare uno strumento, prima azionare il suo interruttore e poi disinserire la spina.

10.       Non inserire mai le estremita? di conduttori nudi negli alveoli delle prese.

11.       Le apparecchiature elettriche non debbono essere maneggiate dagli allievi se non sotto la diretta responsabilita? dei docenti

12.       Al termine delle attivita? didattiche e del lavoro d'ufficio, ricordarsi di spegnere tutte le apparecchiature elettriche.

13.       All’interno della scuola e? vietato usare apparecchi elettrici che non siano di proprieta? della scuola, fornelli o materiali infiammabili.

Rischio chimico
(materiali di laboratorio – materiali di pulizia)

E’ necessario rispettare anzitutto le norme igieniche fondamentali:

  • Ogni giorno effettuare un’accurata pulizia di aule, corridoi, palestra, laboratori, assicurando l’indispensabile ricambio d’aria;
  • Pulire i servizi igienici almeno due volte al giorno utilizzando strumenti (guanti, panni, ...) destinati esclusivamente a quei locali;

Per tutte le operazioni di pulizia attenersi scrupolosamente alle modalita? operative descritte nella Procedura di Esecuzione Pulizie, allegata al Documento di Valutazione dei Rischi dell’Istituto Comprensivo. Ricordare che i detersivi e i prodotti per la pulizia utilizzati nell’Istituto assolvono egregiamente il loro compito se usati correttamente; l’uso improprio puo? dar origine invece a reazioni indesiderate. I detersivi, pur essendo indispensabili, devono essere utilizzati con la massima attenzione, in quanto l’uso improprio puo? provocare effetti indesiderati. Pertanto prima di utilizzare un prodotto e? necessario leggere attentamente le istruzioni riportate sull’etichetta; infatti solo un uso corretto non provoca nessun rischio alla propria salute e a quella di terzi. L’etichetta di un prodotto serve proprio a conoscere il grado di pericolo che esso ha se non usato correttamente. Occorre ricordare inoltre di:

  1. Rispettare le dosi consigliate dalle istruzioni.
  2. I prodotti concentrati devono essere diluiti nelle percentuali stabilite dalle etichette.
  3. Utilizzare i prodotti per gli usi specifici cui sono destinati.
  4. Per nessun motivo miscelare piu? prodotti in quanto possono provocare reazioni indesiderate sviluppando gas asfissianti o tossici.
  5. Non trasferire mai un detersivo o un acido da un contenitore ad un altro su cui sia riportata una dicitura diversa da quella del contenuto immesso.
  6. Riporre i contenitori sempre chiusi con il proprio tappo.
  7. I prodotti tossici, nocivi o corrosivi, ma anche i prodotti per la pulizia, devono essere riposti con la massima cura in luoghi inaccessibili a terzi, chiusi a chiave.
  8. Non lasciare bombolette spray ecc. vicino a fonti di calore, in quanto possono infiammarsi e/o esplodere.
  9. LE SCHEDE TOSSICOLOGICHE DEI PRODOTTI SONO ALLEGATE AL DVR, A DISPOSIZIONE DELLA CONSULTAZIONE IN OGNI PLESSO.
  10. E' vietato tenere liquidi infiammabili in recipienti di vetro.
  11. E' vietato usare stufe elettriche o riscaldatori con resistenze a vista, fornelli o stufe a gas, fiamme libere, stufe a kerosene, tranne nei luoghi all'uopo destinati.
  12. Le bombolette spray contenenti infiammabili devono essere conservate lontano dalle fonti di calore come raggi del sole o termosifoni.
  13. I sussidi ed i materiali di facile consumo debbono essere conformi alla normativa vigente in materia igienico sanitaria e di sicurezza.
  14. Eventuali liquidi infiammabili o facilmente combustibili e/o le sostanze che possono comunque emettere vapori o gas infiammabili, possono essere tenuti in quantita? strettamente necessaria (non superiore a venti litri per ogni edificio scolastico), per esigenze igienico sanitaria; tale materiale deve essere custodito in armadio metallico chiuso a chiave ed i contenitori posti in vaschetta di raccolta in caso di perdita dei contenitori.
  15. Non lasciare nelle aule, al termine della giornata, materiali infiammabili (cestini pieni di carta, polistirolo, legno etc.).
  16. Ricordare che il numero di chiamata dei Vigili del Fuoco e? il 115.
  17. Attenersi alle istruzioni del manuale a corredo della macchina per l’utilizzo e la manutenzione delle attrezzature;
  18. Segnalare sempre con cartelli di divieto, di prescrizione o di avvertimento, ogni condizione di pericolo.
  19. L'uso degli attrezzi sportivi, dei sussidi didattici e di altro materiale a scopo didattico va rapportato all'autonomia ed all'abilita? maturate dagli alunni. Evitare l'uso improprio e non controllato di attrezzi, sussidi, materiali e sostanze.
  20. Usare forbici con punte arrotondate.
  21. La progettazione delle attivita? motorie deve tener conto dei seguenti parametri :

Il personale addetto alle pulizie utilizzera? sempre i dispositivi di protezione personale (es. guanti, mascherine, occhiali, scarpe antinfortunistiche) forniti dall’Istituto.

Rischio fuoco

Utilizzo attrezzature

Il Dlgs. 81/08 definisce (art. 69) attrezzatura “qualsiasi macchina, apparecchio, utensile o impianto, inteso come il complesso di macchine, attrezzature e componenti necessari all’attuazione di un processo produttivo, destinato ad essere usato durante il lavoro” e prevede (art. 71) che le attrezzature messe a disposizione siano adeguate all’attivita? da svolgere ed idonee ai fini della sicurezza e della salute. Pertanto si devono rispettare le seguenti disposizioni:

-         autonomia e abilita? maturate dagli alunni,

-         eta? ,

-         spazi a disposizione,

-         rischi probabili,

-         stato fisico degli alunni,

-         caratteristiche del locale, della pavimentazione, dell'equipaggiamento e di ogni altro elemento che possa rappresentare pericolo per l'incolumita? degli allievi.

  1. Per le attivita? manuali ed artistiche usare obbligatoriamente sostanze atossiche.
  2. Tutto il personale (insegnanti, assistenti amministrativi e allievi) deve utilizzare l’attrezzatura munita di videoterminali per un tempo inferiore a tre ore consecutive giornaliere, PROVVEDENDO AD EFFETTUARE LE OPPORTUNE PAUSE e seguendo le disposizioni affisse in ciascun luogo dotato di videoterminali ( laboratori, segreteria, uffici...)
  3. L’immagine sullo schermo deve essere stabile, esente da farfallamento o da altre forme di instabilita?; i caratteri devono avere una buona definizione, essere di grandezza sufficiente e chiari.
  4. Lo schermo deve essere orientabile, inclinabile liberamente e facilmente per adeguarsi alle esigenze dell’utilizzatore; non deve avere riflessi e riverberi che possono causare molestia.
  5. E’ necessario uno spazio sufficiente che permetta all’operatore una posizione comoda; il piano di lavoro deve avere una superficie poco riflettente ed essere di dimensioni sufficienti.

Segnalare sempre al RSPP e/o al Dirigente Scolastico, attraverso i Preposti alla Sicurezza di sede/plesso,  ogni esigenza di sicurezza degli impianti e delle attrezzature.

Uso dei videoterminali

Rischio scale

Tale rischio riguarda il lavoratore che per svolgere la sua mansione fa uso di scale non fisse. Il lavoratore in questione deve avere a disposizione scale adeguate al lavoro da svolgere, in particolare egli deve usare sempre:

  • scale la cui altezza gli permetta di operare comodamente senza sporgersi o allungarsi pericolosamente;
  • scale stabili che abbiano listelli perfettamente stabili;
  • scale che abbiano dispositivi antisdrucciolevoli alle estremita? inferiori.

Le operazioni in altezza, oltre il terzo gradino, devono essere effettuate con l’assistenza di un collega; inoltre non bisogna mai effettuare lo spostamento di una scala quando su di essa puo? trovarsi un lavoratore in opera.

E’ prescritto che le scale doppie non devono superare l’altezza di 5 metri e devono essere provviste di una catena di adeguata resistenza o di altro dispositivo che impedisca l’apertura oltre il limite prestabilito per la sicurezza: inoltre, per garantire stabilita? della posizione di lavoro fin sugli ultimi gradini, la scala deve terminare con una piccola piattaforma con i montanti prolungati di almeno 60-70 cm al di sopra di essa.

La movimentazione manuale dei carichi

Le operazioni di trasporto o di sostegno di un carico effettuata da uno o piu? lavoratori, comprese le azioni del sollevare, disporre, spingere, tirare, portare o spostare un carico, possono provocare delle lesioni dorso-addominali.

E’ necessario adottare tutte le misure per evitare la movimentazione manuale dei carichi; quando cio? non e? possibile occorre essere forniti di mezzi adeguati allo scopo di ridurre al minimo il rischio.

E? severamente vietato, per qualsivoglia motivazione, gettare oggetti dalle finestre e/o dalle scale.

La movimentazione manuale dei carichi puo? essere effettuata alle seguenti condizioni:

  1. Il carico deve essere inferiore ai 30 Kg per gli uomini
  2. Il carico deve essere inferiore ai 25 Kg per le donne
  3. Il carico non deve essere ingombrante o difficile da afferrare.
  4. Il carico non deve essere in equilibrio instabile.
  5. Il carico deve essere collocato in modo tale da poter essere maneggiato senza contorsioni o posizioni pericolose per il lavoratore.

Le norme esplicitate nella presente comunicazione valgono per ogni sussidio e materiale utilizzato a scuola, ancorche? di proprieta? privata o fornito alla scuola dalla famiglia.

Coloro che rilevino carenze di ordine organizzativo e materiale, all’interno della scuola, sono invitati a comunicarlo ai preposti di sede/plesso e al RLS,  che a loro volta informeranno il Dirigente Scolastico affinche? vengano assunti i provvedimenti necessari.

Si ricorda infine la necessità che ogni lavoratore faccia riferimento al documento “Informazioni su rischi e sicurezza nella scuola”(ex art. 36 D.Lgs. 81/2008) consegnato, durante il precedente anno scolastico e per il personale neoarrivato in data 15 settembre 2014 con circolare n. 17.

Il Dirigente scolastico

Massimiliano Urbinati

 

scuola2

classeviva

scuola digitale

habita

valutazione

pon

girls

googleapps

sicurezza

photo

il meteo

Contatore visite

Oggi 241

Ieri 305

Ultima settimana 546

Totale 233528

Visite agli articoli
877066

Abbiamo 32 visitatori e nessun utente online

Istituto Comprensivo Statale N.5 "Dante Alighieri"

Via Camposabbionario, 11/a - 44124 Ferrara - Tel. 0532 64189 Fax 0532 61764

pec: feic80900x@pec.istruzione.it